Zaini da valanga Alproof

deuter is for added security

ALPROOF LITE

ALPROOF LITE

Per gli sciatori freeride che desiderano uno zaino da valanga leggero e tecnico, costruito per affrontare i rigori dello sci backcountry.

Abbonamento gratuito a White Risk

ALPROOF 

ALPROOF 

Per gli appassionati di scialpinismo che si aspettano dall'equipaggiamento di sicurezza tanto quanto dalle proprie prestazioni.

Abbonamento gratuito a White Risk

IL TUO ABBONAMENTO AL WHITE RISK

IMPARATE, METTETE ALLA PROVA LE VOSTRE CONOSCENZE E PIANIFICATE IL FUTURO!

Con ogni ordine di uno zaino da valanga Alproof riceverete in omaggio un abbonamento standard di mezzo anno a White Risk!

 

L'intelligente applicazione per la pianificazione dei tour vi aiuta a minimizzare i rischi nel backcountry insieme al vostro nuovo deuter Alproof. Basta creare un account su whiterisk.ch e riscattare il codice che riceverete nella vostra confezione deuter nel vostro account White Risk alla voce Coupon.

REGOLAZIONE DELLO ZAINO DA VALANGA

IL SISTEMA AIR BAG ELETTRONICO PER VALANGHE ALPRIDE E2

IL SISTEMA AIRBAG DA VALANGA PIÙ LEGGERO DEL SUO GENERE!

È anche il primo sistema airbag da valanga a utilizzare supercondensatori per azionare un compressore elettrico, che gonfia l'airbag da 162 litri in soli tre secondi. I supercondensatori presentano notevoli vantaggi rispetto alle batterie e alle pile ricaricabili: Possono generare molta energia in un breve lasso di tempo, senza ridurre la loro durata. Possono immagazzinare elettricità senza ricorrere a reazioni chimiche, e per questo non sono influenzati dal freddo. Le loro prestazioni rimangono invariate da -30° C a +40° C. Mentre le batterie ricaricabili, come quelle agli ioni di litio, perdono potenza dopo diverse cariche, i supercondensatori mantengono le loro prestazioni. Possono essere caricati 500.000 volte e hanno una durata di vita praticamente infinita. I supercondensatori sono anche più leggeri delle normali batterie.

LA PRIORITÀ ASSOLUTA: EVITARE LE VALANGHE

ALLORA PERCHÉ AVETE BISOGNO DI UN AIRBAG?

Le valanghe rappresentano sempre un grosso rischio, indipendentemente dall'attrezzatura di sicurezza di cui si dispone. Anche con uno zaino airbag, ci sono ancora situazioni in cui le possibilità di sopravvivenza sono scarse. Per questo motivo, avere uno zaino airbag non significa poter correre rischi maggiori. La cosa più importante è ridurre al minimo il rischio di valanghe. Ciò equivale a un'accurata formazione in materia di valanghe, a un'attenta pianificazione del percorso, a un aggiornamento regolare della formazione in materia di valanghe, al coraggio di esprimere le proprie preoccupazioni al gruppo con cui ci si trova ed essere pronti a tornare indietro. Ma anche in questo caso, è sempre rischioso. È qui che l'equipaggiamento di sicurezza per le valanghe e uno zaino airbag possono contribuire a ridurre il tasso di mortalità.

EFFETTO DELL'AIR BAG

RIMANENDO SULLA SUPERFICIE DI UNA VALANGA AUMENTA LE POSSIBILITÀ DI SOPRAVVIVENZA

La sepoltura completa avviene quando la testa e la parte superiore del corpo sono coperte dalla neve della valanga. L'inumazione parziale avviene quando la testa e la parte superiore del corpo rimangono libere. In caso di seppellimento completo, il rischio di morte è del 50%, mentre in caso di seppellimento parziale è del 4% (Brugger et al. 2001; Statistical analysis of avalanche fatalities, Europe and North America 1981-1998). Le possibilità di sopravvivenza sono quindi maggiori se si può evitare il seppellimento completo in una valanga. L'airbag Alpride sfrutta la convezione granulare (o effetto noce brasiliana), per cui le particelle più grandi finiscono sulla superficie di un materiale granulare contenente una miscela di oggetti di dimensioni diverse, mentre le particelle più piccole rimangono al di sotto. L'ampia superficie e la forma arrotondata dell'airbag Alpride ne consentono il galleggiamento in caso di valanga. La forma dell'airbag protegge anche la schiena e la testa dell'utente e il suo colore brillante lo rende più visibile durante le operazioni di ricerca, dove ogni secondo è importante.

RICARICA DEL SISTEMA ALPRIDE E2

I supercondensatori possono essere caricati in due modi:

  • tramite cavo USB-C (5V-3A)
  • con due batterie AA.

Il sistema dovrebbe essere caricato principalmente via USB e solo con le batterie come riserva, ad esempio quando si viaggia. La ricarica può essere effettuata con il cavo USB-C in dotazione e un normale caricabatterie USB (non in dotazione) o un power bank, un'unità solare ecc. A seconda del tipo di dispositivo di ricarica utilizzato, la ricarica richiede dai 20 ai 40 minuti. La ricarica tramite il cavo USB è possibile anche senza batterie. Quando le batterie sono inserite e il cavo è
il cavo è collegato, la ricarica inizia senza che le batterie si scarichino.

Le batterie al litio AA rendono il sistema Alpride E2 pronto per essere utilizzato di nuovo, dopo un dispiegamento accidentale. Hanno una potenza sufficiente a generare 3 cariche complete del sistema. Si consiglia di sostituire le batterie dopo questo periodo e dopo ogni dispiegamento. Non appena l'airbag viene riempito, le due batterie AA (se installate) ricaricano immediatamente i supercondensatori.

AUTONOMIA DEL SISTEMA ALPRIDE E2

Si consiglia di utilizzare, durante il tour, due batterie AA al litio che non siano state utilizzate in precedenza per caricare il sistema. Queste compenseranno la piccola perdita di carica dei supercondensatori. In questo modo, il sistema Alpride E2 può essere utilizzato per tre mesi tra una ricarica e l'altra. Se l'Alproof non viene utilizzato per un periodo più lungo, le batterie devono essere rimosse. Se il sistema viene utilizzato dopo la ricarica, ma senza le batterie installate, l'autonomia massima è di 12-24 ore.

Tirare l'interruttore verso l'esterno, ruotarlo in senso orario e mantenerlo in posizione "ON" per due secondi.

Il sistema Alpride E2 esegue un "test automatico" a ogni accensione, per verificare che il motore, i supercondensatori e l'elettronica siano tutti perfettamente funzionanti. Durante questo periodo di test, le tre luci LED si accendono una dopo l'altra per verificare il funzionamento. Una volta completato con successo il test automatico, il sistema è pronto per l'uso. Il motore gira una seconda volta e la spia LED verde o arancione lampeggia a seconda dello stato di carica.

 

 

Per attivare l'airbag, è necessario tirare la maniglia di attivazione (con una forza di 5-10 kg). L'airbag verrà quindi gonfiato ad alta pressione dal motore del compressore, entro tre-cinque secondi. Una volta completamente gonfiato, i supercondensatori saranno automaticamente ricaricati dalle due batterie AA (se inserite). Il compressore rimane attivo per sei secondi prima di spegnersi.

Per sgonfiare l'airbag, aprire il coperchio di sicurezza della valvola di rilascio e premere il pulsante arancione.

Una volta svuotato l'airbag, il coperchio di sicurezza rientra automaticamente in posizione. Quando si ripone l'airbag è importante seguire la procedura corretta. Un imballaggio non corretto potrebbe impedire il dispiegamento dell'airbag, causarne il malfunzionamento e danneggiare lo zaino da valanga. Non torcere l'airbag, non attraversare i ganci, non arrotolarlo e non ostruire in alcun modo il vano airbag.

MANUALE D'USO ALPROOF & E2 AIRBAG SYSTEM

È possibile scaricare il manuale d'uso dei nostri zaini con sistema airbag Alproof e Alproof Lite in formato PDF.

DOMANDE FREQUENTI

Sì, nei modelli Alproof 30 SL e 32 la maniglia di sgancio può essere facilmente montata su entrambi i lati dello zaino.

La maniglia di sblocco dovrebbe essere all'altezza del petto per una migliore accessibilità. Può essere regolato a tre diverse altezze. È sufficiente ruotare la maniglia di sgancio verso l'alto e fuori dall'occhiello della tracolla e reinserirla in quello appropriato.

La cintura in vita, il cosciale e la cinghia sternale devono essere ben stretti e fissati per creare una vestibilità aderente. Il cosciale serve anche a evitare che lo zaino venga tirato sopra la testa dello sciatore in caso di valanga. La cinghia per le gambe si fissa facilmente senza dover slacciare la cintura in vita.

In generale, sì. La cosa più importante è che si dispieghi immediatamente e con decisione. L'analisi dei dati sugli incidenti* mostra che ben il 12% delle vittime non aveva attivato l'airbag. Non è stata trovata alcuna correlazione tra le dimensioni della valanga e l'impossibilità di attivare l'airbag. Tuttavia, il tasso di mancata attivazione è significativamente più basso tra gli utenti professionali (guide alpine, pattugliatori) rispetto agli sciatori amatoriali (5% rispetto al 12%). La pratica sembra essere un fattore decisivo. È quindi importante esercitarsi regolarmente a dispiegare l'airbag per allenare le reazioni e le capacità motorie.

81 % gonfiato correttamente
12 % non dispiegato
3 % guasto all'attrezzatura
2 % errore di manutenzione
2 % danni meccanici

*Source: Hägeli, Bergundsteigen Magazine 3/14; Statistical analysis of avalanche incident reports (1994 to 2012) in North America and various European countries; only avalanches that posed serious burial potential and involved persons with and without airbag backpacks were included.

In caso di dubbio, è meglio dispiegare l'airbag troppe volte che non dispiegarlo affatto. Questo è facile da fare con il sistema Alpride E2, poiché può essere attivato più volte.

Semplice: Entrambi. Perché con l'airbag da valanga non si possono localizzare le vittime e con l'autovelox non si può evitare il seppellimento completo. Quindi l'equipaggiamento di sicurezza ideale per le valanghe comprende un sacchetto d'aria per valanghe come l'Alproof, un apparecchio di ricerca in valanga, una pala e una sonda.

Sì. Nei modelli Alproof 30 SL e 32, gli sci possono essere fissati in diagonale sulla parte anteriore dello zaino e ai lati in un telaio ad A, utilizzando le due cinghie modulari.